english version english version
CMO Moquette qualified carpet cleaning company
  Le Moquette
La moquette è un tipo di copertura per pavimenti, di piacevole utilizzo, nonché di eleganza e raffinatezza estrema. In linea di massima è costituita da un supporto in lattice di gomma, juta, o materiale sintetico, nel quale vengono inseriti diversi tipi di filati, sintetici oppure naturali.
Prima di scegliere una moquette, è importante valutare quale tipologia di copertura conviene impiegare ed esaminare se il fondo è idoneo a riceverla oppure se si rende necessario un lavoro preparatorio.
A seconda dell’ambiente in cui va collocata, occorre scegliere la moquette adatta, ad esempio in un ambiente di forte passaggio, va collocata una moquette molto resistente all’usura, oppure in una barca, o in una sala da bagno, va collocata una moquette che non marcise e quindi completamente sintetica.
home
azienda
moquette
dove siamo
La posa della Moquette Moquette Pregiate La Storia della Moquette  
Lavaggio Moquette Le fibre Tipologie di Sporco  
Le Moquette Seleziona l'immagine per accedere
alla sezione che più ti interessa
 
La moquette La parola moquette, etimologicamente di origine incerta, definisce un tessuto in lana o sintetico, completamente fissato al pavimento. E’ proprio quest’ultima, la differenza sostanziale dal tappeto, di cui la moquette può definirsi la naturale evoluzione.

La moquette è un pavimento tessile ed è particolarmente utilizzata negli hotel, alberghi e le grandi comunità in generale.
Tale pavimento in tessuto, come ogni altra tipologia di pavimentazione ha i propri pregi e difetti.

E’ importante sfatare alcuni luoghi comuni, sottolineando che moquette e tappeti non favoriscono nella maniera più assoluta la sopravvivenza degli acari, se correttamente istallate e manutenute. A maggior ragione, invece, in una camera con pavimento tessile, la polvere in sospensione è ridotta finanche all’ 80%, rispetto ad un pavimento duro.
Le moquettes hanno una maggiore proprietà di isolamento termico in relazione ad altri tipi di pavimento. (In particolar modo quelle a pelo grosso e densità scarsa offrono maggiori risultati in termini di economia termica). Una moquette spessa circa 1 cm ha un potere isolante equivalente ad un pavimento in cemento di 15 cm., e alcuni studi americani avvalorano tale tesi, quantificando un risparmio energetico sul riscaldamento dal 5% al 13%.

Generalmente la moquette, viene scelta come elemento di arredo, con un forte fattore estetico, oltrechè ulteriori vantaggi rappresentati dal calore, l’intimità, la caratteristica di attutire i rumori, e talvolta anche per coprire con classe e a bassi costi un pavimento irrimediabilmente rovinato.

Soventemente i pavimenti in moquette vengono ingiustamente accusati di essere ricettacoli di polvere, insetti ed acari, nonché di avere una forte carica elettrostatica.
Tutto ciò è assolutamente falso, e come vedremo nella sezione “lavaggio”, manutenere la moquette è assolutamente semplice e poco dispendioso, ma va fatto con costanza e quotidianità.
Uno studio dell’ American Carpet Institute ha palesato che i costi di manutenzione di un pavimento tessile, sono inferiori di circa il 40% rispetto ad un altro tipo di pavimento.

In linea di massima le moquettes sono collocate su un supporto che può essere di lattice di gomma, juta o materiale sintetico sul quale vengono inseriti diversi tipi di filati, sia sintetici sia naturali.

Le tipologie di moquette in commercio sono molteplici, in svariate gamme di colori e disegni, e differenti fibre e spessori del pelo. La superficie della moquette, a seconda dei casi, può essere lavorata o liscia e si presta facilmente a personalizzazioni in caso di esigenze particolari di immagine.

Le moquette nuove, presenti sul mercato, non hanno alcun problema di carica elettrostatica. In linea di massima, la moquette è una cattiva conduttrice di elettricità, ma nei nuovi modelli, viene introdotto, sul pelo della moquette, dei piccoli quantitativi di fili conduttori, e ulteriori accorgimenti antistatici, che hanno annullato tale problematica.

I costi delle moquettes sono i più svariati, e come in tutte le cose, le qualità del tessuto, aumentano con il crescere del prezzo. In commercio sono presenti numerose tipologie di moquette, che si possono raggruppare in tre gruppi: bouclé, velour e agugliati.
La moquette Le moquettes Bouclé hanno un sottofondo resistente in lattice o in juta, ed hanno dei ciuffi ricurvi ed estremamente morbidi e cedevoli.
Tali tipologie di moquette sono poco resistenti e facilmente usurabili, ma davvero favolose sono particolarmente indicate per le camere da letto laddove il passaggio è molto limitato.

Le moquettes velour hanno anch’ esse un robusto sottofondo in juta o lattice, ed hanno un mantello dai ciuffi diritti in pelo sintetico o naturale di spessore variabile.
A seconda dello spessore del pelo e del tipo di fibra, questa tipologia di moquette ha un ottima durata ed una discreta resistenza all’usura. Per la sua costituzione leggermente più rigida della bouclé, tale moquette, trattiene in maniera più ostinata lo sporco; pertanto necessita di una manutenzione molto accorta.
Le moquettes agugliate sono compatte e non temono l’usura, per la propria costituzione meno soffice ed elastica. Prive di sottofondo, hanno un pelo corto o rasato con superficie liscia oppure lavorata. Tale tipologia è particolarmente indicata per ambienti molto transitati e di frequente passaggio, come corridoi, ingressi ed uffici. La moquette, viene fabbricata per annodatura, o per tessitura.

La fabbricazione per annodatura è completamente artigianale, ed ha dei costi enormi, ma dei risultati unici. Tale sistema, prevede l’annodatura manuale singola ciuffo per ciuffo su di un canovaccio.
La fabbricazione per tessitura, invece, determina l’intreccio ad angolo retto di una serie di fili, secondo due tipi di metodi: Wilton e Axminster.

La tecnica Wilton, ci permette una scelta di colori limitata, ma consente la creazione di svariati tipi di struttura dal bouclé al velour. Tale tecnica dona alla moquette una forte resistenza, e consente un’applicazione in tensione.
Il Wilton può essere a tinta unica o incorporare più colori per ottenere elementi decorativi.

Il Wilton a tinta unica viene chiamato, soprattutto dagli inglesi: velvet.

La tecnica Axminster, invece, ci permette di avere svariati tipi di disegni e molti più colori.

Distinguiamo, infatti la tessitura gripper Axminster, che permette l’utilizzo di otto colori, e la tessitura spool Axminster con un utilizzo illimitato di colori.

L’ Axminster prevede che il pelo venga tagliato all’altezza di circa 3 cm, prima di esser deposto sul dorso della moquette, e lì verrà fissato dai fili che compongono la trama.

Consente l’utilizzo di filati di qualunque spessore e genera moquette a pelo tagliato.
righino top >  
CMO Group di Oreste Rizzo - Tel. +39.055.8986359 - Fax +39.055.8986359
By  Illustrando llustrando